Geoponica

Avvertenza per le pagine tratte da Wikipedia

Si raccomanda di controllare la cronologia dal sito originario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

La Geoponica è una collezione di venti libri di agronomia, compilata durante il decimo secolo a Costantinopoli nell'Impero Bizantino sotto l'imperatore Costantino VII Porfirogenito, in greco.

Indice

[nascondi]

[modifica] L'uso anteriore del termine

Gli Scriptores rei rusticae o Geoponici (forme latinizzata del greco antico Γεωπονικοι è un termine che raggruppa gli autori greci o romani in tema di allevamento e di agricoltura.

[modifica] I Greci

I Greci consideravano, nel periodo classico i lavori di questo soggetto come rientranti nelle scienze economiche: ad esempio le opere di Aristotele e Teofrasto. anche 'Oeconomicus et le Memorabilia (ii.4) di Senofonte contengono tra l'altro un elogio dell'agricoltura e gli effetti benefici dal punto di vista etico. I trattati sull'agricoltura (Περι Γεωργιας) di Démocrito d'Abdera utilizzò grandemente le compilazioni anteriori. Più tardi, Dionisio tradusse e semplificò i grandi lavori di Magone il Cartaginese, che è ancora più condensato da Diofane di Nicea ad uso del re Deiotaro di Bitinia. Gerone II et Attalo III Philométor sono ugualmente citati dai compilatori romani. Una grande attenzione al soggetto è stata data ne periodo Alessandrino, ma gli autori romani divennero più considerati di quelli greci.

[modifica] La compilazione della Geoponica

La raccolta nel testo ora da noi conosciuto è del X secolo anche se da alcuni è attribuita al VII secolo mentre l'autore del nucleo più consistente Cassiano Basso. il cui lavoro è stato integrato nella Geoponica, era VI secolo e che risente molto delle varie compilazioni de re rustica del mondo romano.

A sua volta Casiano Basso ha ripreso pesantemente dal lavoro di un altro compilatore "agricolo", Vindonio Anatolio del quarto secolo. Le fonti originarie della Geoponica includono Plinio il vecchio, varie opere di agricoltura greca perse del periodo Romano ed Ellenistico ed autori di veterinaria, l'agronomo Carthaginiano e perfino testi che passano con lo pseudonimo del "profeta" persiano Zoroastro. (Le principali per ogni sezione sono indicati nelle premesse al testo, anche se l'età e la precisione di questo richiamo di attribuzioni è molto dubbio.) La "tradizione" greca del manoscritto è estremamente complessa e non completamente capita. Traduzioni in siriaco, persiano, arabo, armeno attestano la relativa popolarità in tutto il mondo e ma complicano la ricostruzione della "tradizione del manoscritto"

[modifica] Le traduzioni in latino

Nel 1137 Burgundio Pisano a Constantinopoli tradusse in latino Latinam i libri 6, 7, 8 e li denominò Libri de vendemiis.

Si sono conservati molti manoscritti dell'epoca, di cui uno alla Biblioteca Laurenziana, con in margine i nomi degli autori antichi dai quali i capitoli della Geoponica greca sono stati tratti. Gli studiosi moderni dubitano anche su queste attribuzioni.

[modifica] Contenuti

La Geoponica abbraccia tutto il modo delle informazioni agricole, compreso metereologia celeste e terrestre omina , viticoltura, olivicoltura, apicultura, medicina veterinaria, la costruzione di stagni per la piscicultura

[modifica] Testi

[modifica] Cinquecentine

[modifica] bibliografia

[modifica] Voci correlate

[modifica] Collegamenti esterni

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Geoponica"