Credfed dal 1999 al servizio esclusivo della Verità
CREDITORI  FEDERCONSORZI
Fondato da Riccardo Esposito
espressione dei coordinamenti creditori vicende Cirio,Parmalat e Federconsorzi e dei bond "Argentina".

informazioni  sul recupero dei crediti nei confronti di Federconsorzi, Cirio e Parmalat
Questo sito molto deve della sua popolarità all'aver fatto da supporto a aria pulita una  trasmissione televisiva su una nota tv locale a diffusione nazionale, che raggiunse indici d'ascolto incredibili.
 E' USCITA LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE DI ASSOLUZIONE DI IVO GRECO E PELLEGRINO CAPALDO.

 

Crack Federconsorzi, assolti in cassazione Capaldo e Greco

Le agenzie di stampa hanno battuto la notizia che è uscita in serata la sentenza della Cassazione che assolve con formula piena l’ex presidente della Banca di Roma Pellegrino Capaldo e Ivo Greco ex presidente del Tribunale Fallimentare di Roma.

Federconsorzi, un nome che dice poco ai giovani, ma che è stato protagonista di 100 anni di storia del nostro paese. Nel 1991 il tragico epilogo: a pochi mesi dalla festa per il centenario della fondazione va in concordato preventivo l’ente, che ebbe una posizione chiave non solo per il “ventennio”che tanto amava l’Italia rurale, ma anche per l’epopea Bonomiana della gestioni ammassi del dopoguerra.Le banche estere, che con tanta interessata generosità l’avevano foraggiata scoprono solo allora che non si trattava di una Longa manus del ministero dell’agricoltura ma di una società cooperativa con un capitale irrisorio.

Il filone di inchiesta sulla responsabilità dei vecchi amministratori e sindaci a distanza di 14 anni non è ancora arrivato al Tribunale di Roma nemmeno al dibattimento di primo grado, che, ancora una volta si merita l’appellativo di  porto delle nebbie; di certo è finito nel dimenticatoio mediatico.

La vicenda su cui adesso è arrivata la decisione della cassazione riguarda, invece i fatti successivi alla richiesta di concordato preventivo, che, poiché vedeva coinvolto un magistrato romano, era finito nella competenza del Tribunale di Perugia.

Appunto, Ivo Greco già presidente della sezione fallimentare del Tribunale di Roma, era rimasto impigliato in una condanna a 8 mesi per falso nella sentenza della corte di appello di Perugia, per una vicenda assolutamente secondaria: Secondo l’accusa aveva conservato nella propria borsa senza protocollarla e poi aver restituito un’istanza di richiesta di apertura della procedura di liquidazione societaria.

Sempre secondo l’accusa se tale istanza fosse stata portata avanti si sarebbe dovuto convocare l’assemblea dei soci (cioè dell’ottantina di consorzi agrari) che sicuramente avrebbe dato una svolta diversa alla decisione di affossare la Federconsorzi.

Più complessa invece è il coinvolgimento del professor Capaldo nella vicenda: Dapprima condannato a quattro anni di reclusione per bancarotta e poi assolto dalla Corte d’Appello.

Proprio negli anni in cui si perveniva alla fusione tra Banca di Santo Spirito, Banco di Roma e Cassa di risparmio di Roma, l’illustre cattedratico era stato l’ ideatore di un complesso piano in cui le banche creditrici avrebbero rilevato per il prezzo di 2.500 mld di lire tutte le attività della Federconsorzi.

Sempre secondo l’accusa tale prezzo non era equo perché il valore reale dei beni era di almeno 4.500 miliardi.  Non si era svolta nessuna asta per la vendita dei beni stessi ed in tal modo i piccoli creditori avevano visto sacrificati i loro interessi a favore delle banche che avevano aderito all’iniziativa..
Nel processo in primo grado in ruoli minori erano coinvolti anche Geronzi, e Cragnotti  che tuttavia erano stati assolti già dal giudice delle indagini preliminari.

La Corte di Appello come abbiamo già detto pur asserendo che i valori di cessione erano incongrui aveva assolto tutti gli imputati dal reato di bancarotta per mancanza dell’elemento soggettivo (nella loro condotta mancava il dolo).

L’unico che aveva subito condanna era come abbiamo visto Ivo Greco, ma solo per la questione della istanza che si asseriva essere stata “imboscata”.
 I creditori aspettano ora di leggere la sentenza della Cassazione per riuscire a capire la loro sorte. Ora devono definitivamente perdere le residue speranze di un risarcimento?.

Per i creditori può essere che l’ultimo giro di valzer, ben in sintonia con l’esordio della motivazione della sentenza del Tribunale di Perugia che dice:“Parlare della Federconsorzi dall’angolo visuale della procedura di concordato preventivo che ha contrassegnato la fase finale della sua storia è come prendere parte a una festa danzante della corte imperiale asburgica guardandola dal buco di una serratura.Perché in realtà può già dirsi che almeno in una determinata fase storica fu vera gloria, nonostante i molti detrattori.

“La crescita economica e sociale dell’Italia non può essere appieno compresa se si prescinde da quel contributo che quell’organismo seppe fornire, aiutando la produzione agricola e fornendole sbocchi commerciali

 

 

 siti collegati:

Un angolo per i seocontest

Nel mondo dei webmaster impazzano le gare di chi colloca il proprio sito più in alto nei motori di ricerca.

In modo al di sopra delle parti daremo, in quest'angolo, le notizie sulle gare più interessanti.

Noi siamo molto vicini ad Altervista, che ospita uno dei nostri siti. Al loro interno per iniziativa dei singoli utenti e non dell'organizzazione era nata, appunto una gara. Purtroppo cera stata una una scissione Una delle iniziative  era Altervista Seocontest unofficial  Un'altra  sul sito  avseocontest ORA LA NUOVA KEY accettata di nuovo da tutti èé Phpisti Malvisti  . In bocca al  lupo!!!

 

< I Tempidellaterra.org: storia ed agronomia

cerca sul sito

indice manuale

Siti amici

Scrivici

Siti interessanti per il mondo agricolo

Spazio Rurale
(in costruzione)

Agrolinker

Un sito nella comunicazione

tvlocali.tv

problematiche comuni dei creditori

Federconsorzi,Cirio, Parmalat

Sentenza Cirio
la sentenza
Cirio Agricola

 

 

un articolo della Padania riportante dichiarazioni di Di Pietro 

 

 

 

Una pagina del
Barbiere della sera

 siti amici

http://www.debitoargentina.it

 


http://scambiolinks.altervista.org

http://www.vocedimilano.it/

WEB

tvlocali.net

 

 

 

chi siamo

che cosa vogliamo

dalla "vecchia" prima pagina

Dispositivo Sentenzaformato pdf

Commenti Stampa

  Il Ricorso per Cassazione
contro l'assoluzione di Capaldo, Greco, D'Ercole
della Procura Generale di Perugia

La motivazione della sentenza d'appello
doc

Capaldo assolto "perché il fatto non costituisce reato
Greco condannato a 8 mesi per "falso"

Una intervista rilasciata alla stampa
 da Cesare Manfroni

Un importante articolo dell'Osservatorio della legalità

link all'originale dell'articolo

Si segnala un importante articolo di Marco Montanari, notevole anche perché pubblicato dall'autorevole sito chel movimento politico a cui aveva fatto riferimento un noto liquidatore, ora criticato.

 

Un appello al Ministro Alemanno

I creditori di Federconsorzi rivolgono un appello al ministro Alemanno, che sta affrontando con molta determinazione il difficile nodo dei 28 Consorzi Agrari Provinciali, posti in liquidazione coatta amministrativa, ma autorizzati all'esercizio dell'impresa, perché ascolti anche la loro voce nella ricerca di una soluzione equa e ragionevole a problemi che si trascinano da quasi quindici anni

 

Il testo della sentenza

doc

Un Articolo del Messaggero

Un  articolo del Corriere della sera  continua  Precedente

 

L'articolo di Economy

 

Un articolo di Lillo e Gomez

dal web

 La relazione del  dr. Musco

 

Le dimissioni del dr. Musco

 

Link ai Documenti
sull'appello Perugia

 

Risposta del prof. Scicchitano

 

Risposta all'avv. Rosi

 

Sentenza del 29 settembre 2002 del Tribunale di Perugia:
pdf 
htm         tiff 

Testo completo delle motivazioni della sentenza
formato .doc

Una notizia dell'agenzia AdnKronos

Quasi 1.000 miliardi di lire per Federconsorzi

La Corte di appello di Roma, ribaltando la decisione di primo grado ha stabilito che Federconsorzi deve ricevere dallo stato 991 miliardi di lire per l'annosa questione degli ammassi grano.

Lo scorso anno gli organi della Federconsorzi stavano svendendo il credito per soli 40 miliardi di lire.

Voci insistenti dicono che il Ministero dell'Agricoltura si fa promotore di una mega-transazione. Probabilmente  la soluzione che verrà cercata, non riguarderà solo l'ammasso grano, ma anche l'ammasso olio, che riguarda in particolare le banche e, speriamo, anche la questione Sgr.

Noi abbiamo sempre auspicato una simile soluzione.

 C'è la convinzione diffusa che il problema Federconsorzi riguardi solo gli istituti di credito. Non è vero: sono ancora molto numerosi gli agricoltori e soggetti vicini al mondo agricolo che vantano crediti, anche importanti, almeno nell'economia delle singole aziende.

Noi auspichiamo che il liquidatore, prof. Sergio Scicchitano, mettendo a profitto l'esperienza acquisita con il suo incarico di delegato del sindaco di Roma per la tutela dei consumatori, interpreti la sua funzione in senso molto formalistico. Per fare un esempio accetti il dialogo anche con a quei soggetti espressamente individuati come creditori in senso sostanziale nella relazione finale della Commissione Parlamentare d'inchiesta, anche se non inclusi , per motivi formali, nello stato passivo

A nostro sommesso avviso nell'effettuare i riparti il liquidatore deve seguire rigidamente i dettami della legge fallimentare, ma sul piano delle pubbliche relazioni, non può non tenere presente che quello Federconsorzi è un caso speciale, oggetto, anche di una Commissione Parlamentare d'inchiesta.

La normativa sul concordato preventivo  mostra in questa vicenda  tutti i suoi limiti: Il Comitato dei Creditori è di nomina insindacabile del Tribunale e, al momento attuale, è composto esclusivamente da esponenti del mondo bancario.

Le speranze degli agricoltori, pertanto, nell'impossibilità di instaurare un dialogo con il liquidatore, devono essere riposte in un'azione diretta sul Ministero delle Politiche Agricole.

In questa battaglia abbiamo al nostro fianco la Rivista SPAZIO RURALE e  la CIA dell'Umbria, regione dove si concentra un alto numero di agricoltori creditori di Federconsorzi.

 

SPAZIO RURALE  la più coraggiosa rivista dei problemi degli agricoltori.
C'è un articolo della nostra redazione sulla speranza di riparti per i creditori Federconsorzi

ottobre novembre dicembre gennaio

  La Sentenza Agrifactoring

documentazionesui crediti cerso i Cap  già reperita

Tabella Riassuntiva

Documentazione

Le richieste del P.M. di Potenza

La decisione di Potenza

il dibattimento di Perugia

Le regole della procedura civile e quelle del buon senso

Lo abbiamo già detto che  le cause le fanno gli avvocati in Tribunale. Il nostro sito, genuina espressione degli interessi dei creditori, può solo sollecitare l'attenzione di tutti gli interessati rispetto a qualche particolare aspetto del problema. Noi abbiamo più volte parlato dei crediti verso i Cap che, in deroga ai principi generali della transazione del 31 luglio 1998, sono stati trasferiti a Sgr.

continua

 English version     visit our English pages

hai commenti da fare scrivi a webmaster@credfed.com dello stesso Webmaster tvlocali.tv  indice

la pagina dei links

PER ACCEDERE ALL'AREA RISERVATA  CLICCA QUI

Controcopertina

prosegui con il vecchio sito  

questo sito  è stato visitato a partire dal novembre del 2001           In terza di copertina i riferimenti di legge sull'editore del sito                
Scambio Links
Aumenta il PageRank del tuo sito!
Secret Zone
Gratis Suonerie, Jar, Appunti, Scambio Links, Freeware

http://scambiolinks.altervista.org

 

 


scrivi alla redazione del sito  


Visita il corporate site del gruppo Credfed
VISITA ANCHE GLI ALTRI SITI DEL GRUPPO CREDFED

WWW.SPAZIORURALE.NET
WWW.ITEMPIDELLATERRA.ORG
http:/www.credfed.com
http://www.antoniosaltini.com
tvlocali.net